i nostri amici tedeschi


Vi vogliamo presentare gli amici e le amiche della Kolleg der Schulbruder/Real Schule di cui ti abbiamo raccontato nelle nostre Buone Notizie..eccoli!

Per continuare a sognare e a far sognare... a Scampia...

Coem forse sai, quest'anno a causa della crisi globale e dei problemi, non abbiamo avuto alcuna sovvenzione, anche da chi ce l'aveva promesso... se ti fa paicere darci una mano con il 5X1000 ciò che devi segnare sulla tua denuncia dei redditi è:

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ARREVUTAMMOCE
C.F. 95090180639

...e la tua firma

...grazie da tutte e tutti noi di CasArcobaleno

progetto Provincia di Napoli

QUESTA INIZIATIVA E' CONTRO IL SISTEMA DELLA CAMORRA

La Provincia di Napoli ha approvato il sostegno al progetto IO VALGO affinché possiamo sempre meglio servire i ragazzi e le ragazze di Scampia; tra le altre cose che ci permetterà di attrezzare al meglio CasArcobaleno con un amplificatore per le feste e gli eventuali spettacoli, la cucina per preparare meglio le merende e le cene e i computer portatili sia per la proiezione di film , power point e uno per la migliore gestione delle attività e tante altre cose...

Buone Notizie 14

i fratelli under 55 a Scampia

Carissime e carissimi,
“La Salle riconosce la presenza attiva di Dio, legge gli avvenimenti inattesi, le coincidenze e le contingenze della vita come espressione della volontà di Dio e si sottomette a questa logica divina” (Rivista Lasalliana 2/2009)
Anche noi desideriamo e vogliamo seguire questa “spina dorsale della spiritualità lasalliana” e vi
raccontiamo gli incontri più o meno inattesi che per noi sono stati “presenza tenera di Dio” e che ci aiutano a vivere la nostra comune vocazione.

I giovani Fratelli: è stato un dono avere con noi i fratelli più giovani d’Italia, insieme ai fratelli studenti spagnoli: due giorni per incontrarci, per riflettere, per rinnovare la certezza che “il destino dell’Istituto è nelle nostre mani” (R. 142). E’ stata per tanti entrare nella “nostra terra santa” e riprendere il coraggio della nostra comune chiamata come della possibilità di rileggere la propria
storia e ringraziare il Signore delle misericordie verso ognuno di noi. Certo non sempre il futuro ci sembra facile e la necessità di prendere ora decisioni che avranno un’influenza profonda per il futuro di tanti è imperiosa; inoltre la nostra definizione di “giovani fratelli” ci fa a volte sorridere viste le nostre età.
L’importante è aver ri-intrapreso un cammino insieme… un cammino libero… un cammino impegnativo… un esodo, “profondamente uniti a Gesù e fedeli al suo Vangelo, in cammino verso l’incontro con il povero, là dove è necessario” (44° C.G.) dove potremo essere “liberati per essere profeti di un mondo nuovo” (44° C.G.). Ci troveremo per un ritiro spirituale questa estate.
Andrea e Matteo hanno rinnovato i loro voti tra di noi… dalla “terra santa” di Scampia, forse a segnare un impegno ancora più ampio e che ci viene dall’alto…
fratel Marcello e i giovani del triennio del Pio IX: abbiamo condiviso la nostra vita con un gruppo di giovani lasalliani del triennio del Pio IX. Accompagnati da Fratel Marcello, Alessandro, Anna Maria, Aurora, Carlotta, Dario, Davide, Elena, Patrizio hanno trascorso il week end di fine febbraio da noi, ma soprattutto hanno potuto “tessere legami” con alcuni dei giovani di CasArcobaleno e ciò per noi è vitale; abbiamo la necessità che si aprano nuovi orizzonti e nuove ricerche di significato sorgano nei cuori dei giovani… questo può avvenire solo nell’incontro perché solo condividendo la mensa e il gioco, la riflessione e il tempo libero, la preghiera e la passeggiata possiamo sperare che la Vita sia vissuta in pienezza e celebrata… i giovani di Scampia possono così capire nell’incontro con altri che vengono da altrove… che se è vero che a volte sono partiti svantaggiati, hanno il dovere verso se stessi e verso il mondo tutto di prendere il loro destino nelle proprie mani e impegnarsi per costruirselo… gli altri giovani possono riconoscere con gratitudine ciò che, senza merito, hanno ricevuto vivendo la responsabilità di tutto ciò e resistere alla tentazione di essere felici da soli senza curarsi di coloro che hanno e fanno difficoltà.
Viviana e Mariangela della Cooperativa Sociale della Brianza: abbiamo partecipato al 3° bando regionale di aiuto alla cooperazione; in questo bando vi era la necessità di avere un promotore di un’altra regione… a noi è capitata la Cooperativa Sociale della Brianza… fino al 26 febbraio era solo un nome… ora è cuori, passione e volti: due amiche Viviana e Mariangela e la cooperativa di 101 donne, o quasi c’è anche qualche uomo ci hanno detto, che opera nella famosa regione lombarda… non possiamo chiamarlo “colpo di fulmine” ma certo la simpatia e l’empatia è scattata subito; ci aiuteranno, con la loro esperienza e le competenze, a diventare un’impresa sociale, ma anche a iniziare un nuovo legame per ampliare le nostre conoscenze, competenze… ci sarà sicuramente un prendersi per mano per far incontrare due mondi che sembrano diversi, due realtà sociali differenti. Quando avvengono questi incontri ci rendiamo conto come la nostra caratteristica non sia tanto sul fare, ma sull’essere.. nel mondo della
cooperazione sociale vediamo come sia sempre accolto con stupore e attenzione il nostro essere consacrati, come la nostra modalità di vita… sentiamo la responsabilità di portare il nostro specifico: “essere il volto umano e fraterno di Dio” per tutti e tutte.
Patrizio: un ex allievo di Enrico, che ora frequenta la seconda superiore, ha trascorso qualche giorno in più con noi offrendo la sua disponibilità e la sua passione per lo studio agli amici più piccoli… è bello che persone di 15 anni o adulti, come Antonella, possano trovare il loro spazio tra di noi… ognuno con il proprio ritmo, con il proprio dono da offrire e l’apertura per ricevere… Amico Onlus… tramite i Lasalliani del Gonzaga abbiamo conosciuto questa associazione che “si ispira all’ingenuità di alcuni bambini defraudati dei valori umani e dell’innocenza ai quali i soci fondatori si rifanno per restituire loro il progetto originale, attuandone il desiderio, affinché possano riprendersi i valori che gli adulti hanno loro negato”. Con loro speriamo di poter fare un bel progetto contro il bullismo.
Abbiamo anche ritessuto contatti con i carissimi amici di Brescia, coop. Tornasole, che abbiamo conosciuto agli albori del nostro vivere a Scampia.. e qui abbiamo buttato la rete per fare un altro bel progetto… ora dobbiamo attendere fiduciosamente..insieme però.
L’Istituto Nazareth, delle Religiose di Nazareth, ci ha aperto le porte per un progetto del CSV di Napoli di promozione al volontariato: abbiamo incontrato tutte le classi, dalla materna alle secondaria di secondo grado… l’esperienza positiva sta portando ora una decina di giovani del triennio a fare esperienza a Scampia nella ludoteca animata dalla suore della Provvidenza… è un inizio e sono sempre i giovani a superare qualsiasi barriera mentale e ideologica che, a volte, gli adulti hanno o si fanno.
Il Centro di Ascolto Caritas della parrocchia di Santa Chiara, quella della famosa “Munasterio Santa Chiara” con il magnifico chiostro maiolicato, ci ha invitato a condividere l’esperienza e ne è nata un’amicizia che non sappiamo dove porterà noi e loro.
Siamo ritornati al Gonzaga per la settimana flessibile a fare in cineforum sul film “Gomorra” e per ampliare la conoscenza della realtà, della Vita che un film non può mai offrire.
Siamo stati invitati in Portogallo per festeggiare… fare memoria… dei 75 anni di presenza dei Fratelli a Barcelos e Braga per condividere il nostro cammino… abbiamo anche incontrato dei giovani in ricerca vocazionale… e ciò è stato ancora più bello.
Continua la nostra collaborazione con la comunità di pastorale e siamo contenti dei due gruppi di ricerca che stanno vivendo l’impegnativo cammino sognato e approntato.. sono importanti segni di vita anche per noi.
facebook: questo sito ci ha dato al possibilità di ritrovare tanti e tante ex-allievi/e lasalliani/e e notiamo che quando raccontiamo il nostro essere fratelli a Scampia troviamo in essi una comprensione profonda della nostra vocazione e un appoggio che ci fa sentire l’accompagnamento di tutto un mondo in cui siamo tutti cresciuti, nel quale abbiamo lavorato, dal quale tanto abbiamo ricevuto se abbiamo dato…. Be'! Per quel poco che può valere il mio pensiero, voi state facendo davvero ciò per cui esistete! Non ci sono parole per descrivere quanto vi apprezzi! Dieci - quindici anni fa ero pieno di ideali e avevo voglia di rivoluzionare il mondo. Ora sono soddisfatto se riesco a non fare andare peggio il piccolo comune dove mi ritrovo. Viviamo in una realtà, fatta di persone, organizzazioni e istituzioni talmente deprimente! Se penso che poi io sono in Umbria, e voi a Scampia!!!! Meno male che c'è ancora qualcuno come voi!”.
Ci sono amici però che hanno scelto di “fare casa” stando con noi, aiutandoci, mettendosi in gioco fedelmente e donandosi con la loro “ricca umanità”:
Maria Teresa, delle suore del Sacro Cuore, amica di lunga data e prima comunità che ci ha accolto a Napoli nella nostra ricerca… viene a insegnare francese… e a portare la propria esperienza di 37 anni vissuti nell’inserimento nel quartiere di Mianella;
Emanuele, compagno dell’avventura in carcere, che si è unito a noi per insegnare inglese… inoltre collabora con il progetto Chance. quindi anche lui ha una buona dose d’esperienza…
Guglielmo: ben conosciuto nel mondo lasalliano, è venuto a darci una mano… finché aveva del tempo libero… ora è sempre unito a noi, ma purtroppo non riesce a essere presente come vorrebbe.
Prima di concludere sentiamo la gioia e il dovere di ringraziare:
L’Associazione ex allievi dell’Istituto La Salle di Torino per il generoso contributo che nuovamente ci hanno mandato per le attività… un sottile filo rosso nella storia lasalliana d’Italia per unire ciò che purtroppo “muore” e ciò che, dallo Spirito “nasce”; altri ringraziamenti vanno all’Associazione di Volontariato Amici del Colle La Salle che anche quest’anno ci sono vicini; un posto particolare, però, merita la professoressa Diana Gruninger e i suoi allievi della Scuola Lasalliana di Illertissen in Germania: Diana aveva assistito alla nostra presentazione alla riunione dell’ASSEDIL 2008 e, tornata a casa, ha animato i suoi alunni a fare qualcosa per noi: beh queste ragazze e questi ragazzi, senza conoscerci, hanno raccolto dei fondi per noi con attività ricreative, feste e raccontando la nostra esperienza… hanno realizzato, superando barriere di ogni tipo, comunione concreta nella regione Regione Lasalliana Europea (RELEM).
Queste sono alcuni degli “avvenimenti inattesi” che hanno arricchito… poi c’è la ferialità che è sempre ricca ma bisogna leggerla nella trasparenza che è Dio… e per concludere…
Una bella, bellissima notizia
Ginevra e Peppe aspettano una bambina… per loro desideriamo che ognuno di voi, amici e amiche, preghi.. fare un figlio/a non è solo un atto di responsabilità… ma è voler bene a questo mondo